fbpx

Youth Speedway

“Ci vogliono dei bambini speciali per fare questo”. Viaggio nel mondo dello speedway giovanile

Raramente un gruppo di ragazzi è stato così importante per la sopravvivenza del proprio sport. In effetti, non costa un enorme sforzo dire che l’esistenza stessa dello speedway dipenda da questi giovani.

A soli sette anni dal suo centenario, il circuito britannico di speedway è in una fase di stallo. La stagione 2020 è stata spazzata via dal Coronavirus e un esodo di talenti ha visto decimare le squadre della lega britannica.

Lo Speedway, per chi non lo sapesse, è una delle forme più pazze di corse motociclistiche. I piloti rallentano e sterzano su mezzi senza freni, aprendo il gas e costringendo la ruota posteriore a cercare di appaiarsi a quella anteriore. Chi è più bravo a controllare tutto questo caos vince. È come driftare con un’auto: solo una moltitudine di volte più complesso e senza una scatola di metallo che ti protegga. Quando va storto, ci si fa inevitabilmente male.

I bambini di appena otto anni affinano le loro abilità sulle moto da 125 cc, prima di passare alla 250 cc e poi finalmente utilizzare gli stessi motori da 500 cc utilizzati dai professionisti. L’organizzatore del campionato giovanile di speedway Neil Vatcher dice: “Durante una gara pare di stare in un grande cortile scolastico. In pista i ragazzi vogliono tutti vincere, ma vanno molto d’accordo e si prendono cura l’uno dell’altro”.

Gli incidenti sono comuni. Per fortuna le lesioni gravi, al contrario di lividi e contusioni, lo sono meno. Tuttavia, uno dei primi test sta proprio in questo: in quanto velocemente questi ragazzi riescano a tornare in sella. “Ci vuole una razza di bambino piuttosto speciale per farlo”, dice Vatcher.

Dei 33 motociclisti che hanno popolato l’obiettivo del fotografo Paul Calver sulla pista di Rye House nel 2017, in 13 oggi si ritrovano ad essere pro. A modo loro questi giovani stanno delineando un percorso da seguire per i loro successori.

Per ulteriori informazioni sullo speedway giovanile britannico, visitate younglionsspeedway.co.uk

Credits

Foto di Paul Calver
paulcalver.cc
IG @calverphoto

Testo di Tony Hoare

23 aprile, 2021

Related Posts

Surfin’ Corona

Surfin’ Corona

A Punta del Este, Uruguay, tavole, onde e pandemia s’intrecciano

El Gran Felipe  

El Gran Felipe  

A Xochimilco, durante la pandemia, si lotta per preservare l’arte della Lucha Libre

Subscribe To Our Newsletter

You have Successfully Subscribed!

Share This