fbpx

Popolare, affascinante, Centro Storico Lebowski

}

Tempo di lettura 1 minuto

La risposta dal basso al calcio moderno. Reportage di Sara Esposito

È possibile reagire davanti a un calcio che flirta sempre più con il concetto di business? Un calcio in cui, per forza di cose, il lato economico e commerciale sono diventati fondamentali per resistere ad alti livelli? Un calcio che porta il tifoso medio a fidelizzarsi in modo diverso, risultando quasi un semplice consumatore? Il Centro Storico Lebowski è la risposta dal basso a queste ruvide domande: un progetto che poggia sulle solide fondamenta dell’azionariato popolare e sul forte concetto di comunità. 

Il CSL nasce a Firenze nel 2010 e continua, ancora oggi, a colorare di grigionero le vite delle tante persone che in questi anni hanno iniziato a gravitargli intorno. Il mantra degli “Ultimi Rimasti”, gruppo originario della curva “Moana Pozzi” e anima pulsante del CSL, è stato esposto chiaramente già a partire dalla prima partita: “Il CSL è prima di tutto degli Ultimi Rimasti, che sono il cuore di tutto ciò che facciamo; è di chi taglia l’erba del campo prima delle partite, di chi organizza le feste per portare i soldi per iscriversi al campionato, di chi fa le collette per autofinanziare il materiale sportivo, di chi pulisce la sede, di chi raccoglie i palloni dopo l’allenamento, di chi porta con passione e rispetto i suoi colori in campo”.

In questo reportage fotografico Sara Esposito ci porta all’interno dell’universo del Centro Storico Lebowski, mostrandoci legami forti, passioni instancabili, uomini e donne impegnati nel celebrare un calcio popolare e affascinante.

Credits

Sara Esposito
IG sharonespo
www.sarespo.com

Centro Storico Lebowski
IG centrostoricolebowski
www.cslebowski.it

15 gennaio 2020

Related Posts

Share This