fbpx

Playground Addiction

Parco Sempione è basket. Parco Sempione è integrazione e condivisione. Progetto di Studio Nicama

“Il contatto che c’è tra le razze nello sport non c’è da nessun altra parte”

Il campetto di Parco Sempione è un simulacro del basket di strada milanese, ma non solo. A Parco Sempione la pallacanestro diventa un pretesto, un veicolo per l’integrazione e la conoscenza reciproca.

A spiegarcelo è il progetto “Playground Addiction” di Studio Nicama. Niccolò Rastrelli, Carlo Furgeri e Marzio Mirabella hanno analizzato la portata sociale e umana dello storico playground milanese, entrandovi sottopelle, girando un film di cui potrete trovare qui pubblicato il trailer.

Polsi spezzati, comunicazioni urlate, contatti fisici. Per conoscere un estraneo, a volte, basta la condivisione di uno sforzo, il sudore sull’asfalto. Una conoscenza che porta a superare la paura dell’altro, diventando contagiosa: “Io porto un amico, tu ne porti un altro, quello che aveva paura prima ora non ha più paura… È un contagio”.

Per altre info: playgroundaddiction.com

Related Posts

Share This