L’ex atleta di livello internazionale, oggi Brand Manager FILA Performance, racconta il proprio evocativo rapporto con il running

Comprendere la direzione di un brand è sempre una complessa opera di decriptazione. Non è il caso di FILA e della sua tanto nuova, quanto antica traiettoria nell’universo running. La passione, d’altronde, è una caratteristica manifesta, che permette di sciogliere qualsiasi dubbio o incertezza, portando ogni argomento sui binari della progettazione consapevole e virtuosa. Come nel caso di Christoph Lohse, ex runner di alto livello e oggi Brand Manager FILA Performance. “Nel primo campionato nazionale tedesco a cui ho partecipato, indossavo scarpe FILA. Era il 1997, quindi la mia connessione con questo brand è assoluta, ritorna alle radici della mia passione per il running...”, racconta immediatamente Lohse, introducendo una vita nata e sviluppata in funzione del running. Pluricampione nazionale, Lohse definisce il running come una parte essenziale della sua esistenza, come una passione familiare abbracciata in tenera età e, successivamente, tradotta sia in tempi stellari, come i primati outdoor di 3:37.60 sui 1500 e 7:53.11 sui 3000m, che in una carriera manageriale, interamente votata alla rinascita e al progresso di un marchio iconico come FILA.

“Il running è la ragione di tutto, ha determinato il mio percorso lavorativo e umano, e ancora oggi scandisce la mia quotidianità. Sono sempre stato affascinato dall’evoluzione di questa cultura: negli anni ’70 i miei genitori erano dei runner, e venivano quasi considerati dei fuorilegge, negli anni ’90, invece, il running era pura competizione, ora sempre più persone si definiscono runner... Il running è diventata una forma d’espressione personale”, prosegue Lohse, dimostrando una spiccata sensibilità e ragionando sul nuovo, imprevedibile fino a poco tempo fa, ruolo delle scarpe da corsa, “In passato le scarpe erano quasi un accessorio, ora invece sono un elemento cruciale per tutti: professionisti e amatori. Con FILA perseguiamo la democratizzazione della corsa, sono orgoglioso che determinate tecnologie vengano messe a disposizione di tutti”.

Christoph Lohse, ex runner di alto livello e oggi Brand Manager FILA Performance.

E la democratizzazione della corsa passa inevitabilmente dalle conoscenze e dalle intenzioni dei principali attori coinvolti. Non è un caso, afferma Lohse, che all’interno del team incaricato di dare nuova linfa vitale al reparto running FILA siano presenti molti ex atleti. Non è un caso che una storia monumentale, intrecciata ad atleti leggendari, oggi riparta dai veri epicentri della running culture 2.0, le community cittadine, e da una distintiva ricerca stilistica. “Con FILA siamo all’interno di un viaggio. Stiamo cercando il giusto equilibrio tra funzionalità, stile e DNA del brand. È impossibile prendere le corrette decisioni senza conoscere realmente la running culture contemporanea e avere a mente il nostro heritage, fatto di design e colori iconici. Ho avuto la fortuna di vivere la corsa come atleta professionista, ora devo continuamente aggiornarmi su ciò che ruota intorno a questo universo, ma non è un problema. La passione ti porta ad amare ciò che fai. La domenica mattina, per esempio, mentre bevo il mio caffè non faccio che pensare a FILA e al running...”.

E noi abbiamo raccolto alcuni di questi pensieri, entrando ancora più nello specifico del rapporto tra Lohse e FILA, nelle sue ramificazioni presenti e future, così come nella nuova direzione di un brand destinato ad essere per sempre una parte fondamentale della running culture.

L’incontro tra FILA e il running torna indietro nel tempo, ai primi anni ’90, e coinvolge alcuni atleti iconici come i maratoneti keniani Moses Tanui e Margaret Okayo. Quanto è importante questo tipo di heritage per la visione contemporanea del brand?

La nostra partnership con atleti iconici come Moses Tanui e Margaret Okayo è fondamentale per l’evoluzione della vision FILA. Questo ricco heritage è un costante reminder dell’impegno del brand nell’unire tradizione e innovazione, sospinge la nostra passione nello sviluppo di prodotti all’avanguardia, legati alle trasformazioni in atto nell’universo running, e permettendoci di riflettere la nostra legacy in ogni passo compiuto dagli atleti moderni.

Il legame con il passato tocca anche i vostri prodotti. Le nuove FILA ASTATINE, ad esempio, sono un omaggio a un'importante innovazione del marchio, la piastra in carbonio. Quale ruolo ha avuto il progresso tecnologico nella storia sportiva di FILA e quale ruolo continua ad avere?

Da quando FILA ha mosso i primi passi, nel 1972, come brand performance, rivoluzionando tessuti e prodotti per tennisti e alpinisti, l'innovazione è sempre stata in primo piano. Per FILA l'eredità dei progressi tecnologici, esemplificata da innovazioni come la piastra in carbonio della nostra ASTATINE, è una testimonianza della nostra incessante ricerca dell'eccellenza. Continuiamo a sfruttare la tecnologia per rivoluzionare l'abbigliamento e le attrezzature sportive, spingendo i nostri confini e orizzonti per migliorare la prestazione atletica. Il legame con i nostri progressi pionieristici consolida il posto di FILA nella storia dello sport e apre la strada alle scoperte future.

Nella collezione SS23 presentate una nuova generazione di scarpe da corsa. Quali sono le caratteristiche che le definiscono? E, secondo FILA, quali sono le caratteristiche che definiscono la nuova generazione di corridori globali?

Per la collezione SS23 abbiamo voluto portare le tecnologie leader del settore nella nostra collezione running. Abbiamo quindi deciso di utilizzare materiali all'avanguardia per l'intersuola, come le schiume a base di Peba per Astatine e Argon. Queste innovazioni si combinano con i materiali avanzati utilizzati per la tomaia e le geometrie innovative dedicate all'intersuola. Sentiamo di aver creato una nuova generazione di scarpe da corsa, capace di offrire un ritorno di energia eccezionale e consentire prestazioni senza sforzo.

Il team di progettazione e sviluppo di Sports Performance ha dichiarato di voler offrire la migliore esperienza possibile a tutti gli atleti, dai principianti a quelli che si dedicano seriamente alla corsa. Quali sono i segreti per raggiungere un obiettivo così ambizioso?

L'ingrediente più importante per raggiungere un obiettivo così ambizioso è la perseveranza. Oltre ad avere un team di talento, che lavora insieme senza soluzione di continuità, le intuizioni dei consumatori e degli atleti, l'accesso a tecnologie avanzate, l'impegno personale e la passione per la corsa di ogni membro del team FILA sono la chiave del nostro successo. La combinazione di tutto ciò che abbiamo menzionato si traduce in prodotti che soddisfano le esigenze di ogni corridore.

La scena del running è sempre più popolata e legata alle comunità urbane, cosa significa aver coinvolto, per esempio, una variegata crew romana in un recente evento che si è svolto nella Città Eterna?

La collaborazione con i runner romani simboleggia l'impegno di FILA nell'intrecciare il nostro marchio con il polso delle community locali. Come nuovi arrivati, o meglio, come marchio di ritorno, sappiamo quanto sia estremamente importante per noi essere umili nel riconoscere che i nostri prodotti possano fondamentalmente apparire come nuovi, quindi vogliamo iniziare il nostro viaggio con community appassionate, per ottenere spunti direttamente dalla scena del running urbano, e per creare prodotti o iniziative che risuonino alla base della piramide del running. È una manifestazione tangibile della nostra dedizione e della nostra volontà di celebrare il diverso, vibrante mix di running culture che popolano le città di tutto il mondo.

Quali sono gli obiettivi che volete raggiungere? L'universo running FILA si legherà a nuovi atleti professionisti o continuerà a concentrarsi sulle community e sulla celebrazione collettiva di questo sport?

Il futuro di FILA nell'universo della corsa è incentrato sull'innovazione continua e sulla promozione della passione comune per la corsa. Quando saremo pronti collaboreremo sicuramente con atleti professionisti per elevare gli standard di prestazione, pur mantenendo la nostra enfasi sul coinvolgimento delle community e sulla celebrazione collettiva del running. Il nostro obiettivo è creare un ecosistema armonioso, in cui l'atletismo d'élite e la passione collettiva coesistano, promuovendo una crescita inclusiva e diffondendo il nostro impegno per il lungo, quotidiano viaggio di ogni runner.