Continua il virtuoso viaggio supportato da Briko, immergiamoci nelle prime emozioni nepalesi del Team Esplora

Prosegue il viaggio di Esplora nel territorio nepalese. Avevamo conosciuto il Team e il suo virtuoso progetto, supportato da Briko, nel capitolo introduttivo di quest’epopea lunga 1200km, dedicata alla meraviglia esperienziale del bikepacking e alle sue sfumature artistico-sociali. Marco Ricci e Davide Ciarletta hanno condiviso i primi pensieri e le prime emozioni maturate lungo le antiche strade del Paese asiatico, corredandole con una suggestiva galleria visuale. Godetevi il viaggio insieme al Team Esplora.

“Attraversare il Nepal da sud a nord, immersi in valli remote, costituisce l'essenza dei nostri viaggi. Un'estasi infantile ci pervade di fronte a realtà profondamente diverse dalla nostra, conducendoci ad ammirare con riverenza ogni azione e dinamica circostante. Ogni alba ci accoglie prematuramente, delineando giornate scandite da pedalate su strade aspre e ascensioni impervie.

Le salite si protraggono in lunghezza, ormai ne siamo consapevoli e lo accettiamo con serenità ogni giorno. D’altra parte, l'altitudine è la caratteristica distintiva di questo luogo, e ogni vetta superata ci avvicina maggiormente al punto più alto. Una salita in particolare, che ci conduce scollinando a Baglung, si preannuncia come un'esperienza straordinaria. Dopo un'intensa pedalata di quattro ore e il superamento dell'ultima curva, la maestosità dell'Himalaya si dispiega di fronte a noi. Annapurna, Daulaghiri e Machhapuchare si ergono davanti a noi in tutta la loro imponenza. L'emozione di intraprendere un viaggio in bicicletta tra queste montagne è irresistibile, lasciandoci senza fiato di fronte a tanta magnificenza.

Al nostro arrivo a Pokhara, ci concediamo una sosta di tre giorni per riorganizzare l'intero set-up, prefigurando un viaggio più agile. Stiamo per intraprendere l'Annapurna circuit, con l'obiettivo di raggiungere il Thorung La Pass a 5416 metri. La sensazione di sapere che presto ci troveremo tra le vette più elevate del mondo, spingendo in avanti la nostra bicicletta pedalata dopo pedalata, al cospetto dell'Himalaya, è al di là di ogni spiegazione.”

Photo credits:

Esplora

Testi di Gianmarco Pacione