UnBRAKEable, Patrick Seabase

A two-wheel surfer, a pilgrim of the Alps portrayed by the photos and words of Phil Gale

A raindrop falls, landing on a mountain pass. By chance, it lands exactly at the summit. The ensuing splash sees part of it drain down one side of the pass, and the rest down the opposite. At the exact same time a cyclist rides through the light shower, passing from Southern Europe to Northern Europe, crossing the alps for the second time that day, oblivious that these droplets of rain landing as he passes are being split, one part now draining to the North Sea, the other to the Adriatic. But that is the thing about riding in the mountains: if you don’t take the time to look around, and gain an in-depth knowledge of the giants that you’re riding through, you miss the majority of the story.

And that story is one that lies at the heart of this fixed gear track bike rider from Bern, Patrick Seabase. A story of the mountains and how they are central to what he does. But at the same time a story linked to the history of these high rocky outcrops, because they are equally as oblivious to the drops of water as they are the passing of man.

3am, Innertkirchen Dorf, Canton Bern. Silently, Patrick readies himself for the ride ahead. He checks the chain tension of his fixed gear track bike, turns on his lights, and heads onto Grimselstrasse. His support car pulls out seconds later. The town watches these moments unfold with a silent passive dominance. The slumber of its residence bears down on those present.

There is tension within the group, surely due to what lies ahead rather than the unseen sleeping spectators. 333km with close to 8500 metres of climbing, on a route that crosses the Alps twice, jumping between North and South Europe, passing through cultures, languages and climate zones. Patrick, as always, would be doing all of this on two wheels, with one gear, no brakes, and no freewheel.

When you think of Switzerland, one of the first images that will come to mind are mountains. This small country sits not only at the centre of Europe, but also at the heart of the Alps. With a spine of rocky monoliths running through it, there is no wonder that its history is so steeped in these high peaks. From local farmers to energy companies, military strategists to athletes, mountains are the unnoticed dominant force here.

Mountains are also something that are central to Patrick, an ex-pro skater who is known for his escapades in them on his fixed gear track bike. Don’t let the thought of a fixie turn you off, leading you to conclude that he is a hipster-esque character, or, even worse, an Instagramer. That would be to sell this polymath far too short.

When you think of Switzerland, one of the first images that will come to mind are mountains. This small country sits not only at the centre of Europe, but also at the heart of the Alps. With a spine of rocky monoliths running through it, there is no wonder that its history is so steeped in these high peaks. From local farmers to energy companies, military strategists to athletes, mountains are the unnoticed dominant force here.

Mountains are also something that are central to Patrick, an ex-pro skater who is known for his escapades in them on his fixed gear track bike. Don’t let the thought of a fixie turn you off, leading you to conclude that he is a hipster-esque character, or, even worse, an Instagramer. That would be to sell this polymath far too short.

Grimsel Pass: Moving through the darkness of the early morning, the climb seemingly passes in a moment, almost as though the energy of the night had dragged Patrick to the summit. The lower, wilder and humid sections gave way to the man-made structures, so common a sight on this ascent. Tunnels gave off their tungsten glow, almost chasing away the chill of the night dropping down from the mountains that surround this pass.

When you talk about this iconic climb you can’t miss one thing: energy. Though used as far back as the Roman times, today this areas water drainage is the reason why the Kraftwerke Oberhasli is so linked to this location. Dams, reservoirs and a massive network of underground tunnels make the road what it is today. Why? Because the summit marks the convergence of two drainage basins, the Northern slope run down to the Rhine and via the source of the Aare river, whilst the South side drains to the Rhone. It is this movement of water that generates the hydroelectric energy created by KWO.

Something potentially overlooked by those who climb the pass, this drainage has shaped the road as we know it today. The enduring image of Patrick’s single light trail passing below the main dam, lit like a James Bond villain’s hideout as the 24-hour shift kept working testament to this. The lone rider once again passes through the landscape, skirting past the deep black pools of water, unseen, unnoticed, because life continues in the mountains. The rich hues of browns, greys and burnt greens at the summit are unseen in the darkness, the Alpenflage of this pass affected by the extreme climates it faces year-round. All these elements were unseen, but their ambience was felt through the night.

Simplon Pass: As a road this location holds a long history with Patrick. Second up on his ride, it was climbed after dawn had broken. With the sunlight streaming into the valley below, the lower steep sections were soon ticked off, leaving us to look down on the city of Brig below. As ever the high peaks surrounding this road towered over us with a dominant force, and, as ever, once through the first set of tunnels the real mood of this road was felt.

The Simplon Pass is of huge economic importance to the region, because it links Southern Switzerland with Northern Italy, so the road is large and normally full of traffic. From an aesthetic standpoint, the Simplon Pass sits at the junction of imposing nature and massive engineering. High, twisted outcrops of rock, blend into the more organic curves of the pastures closer to the road. These forms are interspersed with the hard lines of human engineering. From the Ganter Bridge to the numerous tunnels, the road’s trajectory is set in such a way as to maximise the chance that humans might have at defeating winter’s cold grip, as this road needs to stay open year-round. The line of tarmac taking such a direction as to almost complement the formations of rock that surround it.

Patrick’s passage was occasionally an inconvenience to the traffic, but at most it was a small dot in the history of this region. He was yet another person darting through the jagged gorges on the Italian side of the pass, that could be classed as the definition of a natural border.

Gotthard Pass: After a short journey in Italy, passing Centovalli and the long drag through almost the entire length of Switzerland’s Italian-speaking canton, Ticino, the real crux of Patrick’s route was now on the horizon. Three massive passes starting with the fortress of a mountain that sits below the Gotthard Pass. Having past bastions of religion and mass transit en-route, huge road bridges and even bigger tunnel entrances, the Gotthard Pass, via the Tremola, takes you back into nature. It is only the garrison seen upon exiting Airolo that hints to the bunker hidden within this mountain. Touted as one of the most strategic places in Switzerland, there are very few signs that this was once part of the WWII Redut for this country’s military.

The cobbled Tremola snakes its way up to the pass, where thanks to the conditions of the day we are reminded once again that we are crossing between two climates, as an icy northerly wind cuts down from high. Statues at the summit remember a time that once was; monuments to an epoch when the mountains were feared, the hostilities and risks of life up high reserved for hardy shepherds, mule train drivers looking to make their fortunes, and evil spirits.

For the first time during Patrick’s ride we get a hint of traditional mountain life. Where those living in these high pastures adhered to rules that are generations old. Wood stacked as it has been for centuries, the elements as unpredictable as ever. The only change being the ease with which these areas can be reached. But as the day started to close out and the sun sank low in the sky, we were left here with little company other than the mountains looking down on us, as they had done all day and through all the ages.

Furka Pass: Arguably the most remote and least adapted road on the route. Following the valley that heads West from Andermatt this feels like a location for locals only. Narrow and without a guard rail it teases you with its first few hairpins, before dragging on for what seems a lifetime, slowly taking you to its pass, after traversing some very rural villages.

This road harks back to a different time, when alpinism and the natural world were not what they are today. Closed hotels by the roadside monuments to travel via buses, where the rich would come to see the mountains from these extreme roads. Today, thanks to climate change, the most spectacular sight of this road – the Gletsch Glacier – has retreated. But we were not here for tourist shots. As night arrived and the mist fell, Patrick was focused on closing out his loop.

Oberaaresee 10.20pm: It was only fitting that Patrick’s route would finish at the source of the Aare river. For this Bern native, the Aare cutting its deep blue loop around the Swiss Capital is hard to miss. Now enveloped in black, the narrow road to the Oberaarsee meandered along the side of the crest, heading to the basin where the highest dam of the KWO system is found.

Patrick lit, by his support car, continued pedalling, in such darkness, the aesthetic was now gone; it was just the ambient and athletic side of his endeavour to feed us. Normally surrounded by the same Alpenflage colourway found at the close by Grimsel pass, we could see nothing, but our senses were attuned to the presence of the mountains around us.

Rolling through the mist, the endeavour of Patrick the athlete came to an end. The numbers collated and the goal achieved. But for something like this, as with any ride by Patrick, it’s not just about the sporting aspect, because like a big wave surfer without waves, this fixed gear cyclist’s feats are integrally linked to the locations where they are done. It is that collision of environment, aesthetics, ambient and athletics that make Patrick Seabase a true individual in the world of two wheeled sporting endeavours.

Credits

Athlete Patrick Seabase
IG @patrickseabase

Ph & Text by Phil Gale
IG @1_in_the_gutter
philgaleportfolio.com


Giocare a Torball

Viaggio fotografico nello sport per non vedenti più diffuso in Italia

Non tutti gli sport per disabili entrano a far parte del programma paralimpico, tra questi c’è il Torball, lo sport per non vedenti più diffuso in Italia. Il gioco prevede che due team, composti ciascuno da 3 giocatori (più riserve), si fronteggino su un campo di gioco lungo 16 metri e largo 7 diviso a metà da tre cordicelle tese dotate di campanellini all’altezza di 40cm dal suolo.

Il Torball prevede l’impiego di un pallone sferico di 500 grammi, al suo interno sono presenti delle semisfere metalliche in modo che i suoni – e quindi la traiettoria del pallone – siano percepiti ed intuiti dai giocatori. I giocatori (che possono essere non vedenti assoluti o ipovedenti) sono dotati di una benda che impedisce completamente la vista ed hanno come punto di riferimento un tappetino che consente l’orientamento. 

Lo scopo è lanciare con le mani la palla verso la porta avversaria, facendola passare sotto le cordicelle che dividono il campo, e provare a segnare.Se il pallone tocca le cordicelle si compie un fallo, con conseguente uscita di chi ha effettuato il tiro per la durata dell’azione successiva. Ogni tre falli si assegna un rigore agli avversari.

La partita dura 10 minuti effettivi di gioco ed è divisa in due tempi, le punizioni si eseguono a tempo fermo. È vincitrice la squadra che totalizza il maggior numero di reti. Nonostante il cugino Goalball sia sport paralimpico, in Italia il Torball è molto più diffuso, tanto da vantare 3 campionati: serie A, serie B e serie C.

Questo si deve maggiormente al fatto che il Goalball richiede infrastrutture grandi per montare il campo, mentre il Torball si gioca solitamente nelle palestre delle scuole italiane e non necessita di grandi investimenti economici.

La polisportiva dell’UNIONE ITALIANA CIECHI di Torino cerca da anni di vincere lo scudetto: obiettivo a cui si è avvicinata particolarmente nel 2015, quando si è piazzata al secondo posto nazionale. Mentre tutti gli altri sport sono stati adattati alle persone con disabilità e, quindi, richiedono sempre l’assistenza di una guida o accompagnatore (vedi podismo, ciclismo, calcio, ecc…), il Torball è l’unico sport creato appositamente per i non vedenti e permette loro una completa autonomia durante tutte le fasi di gioco. 

Lo sport per tanti ragazzi disabili risulta essere una fonte di salvezza, una seconda vita in grado di regalare emozioni forti, adrenalina e legami umani. E il Torball non fa eccezione a questo assunto. Essendoci, per fortuna, sempre meno ciechi in Italia grazie al progresso nel campo della medicina, il Torball è uno sport che sta via via diventando sempre meno giocato e, forse, destinato a scomparire.

Credits

Ph & Text by Alessandro De Bellis / REFEstudio
IG @alessandro_debellis
IG @refe_studio

Work subject team POLISPORTIVA U.I.C.I Torino


Youth in the Mediterranean: i Canottieri

Maturare in acqua, non solo come atleti, grazie al giusto leader

Il reportage di Glauco Canalis ha il sapore della fatica e della crescita personale. È un viaggio fotografico sulla soglia del Mediterraneo, dipinto da braccia vascolari, allenatori-mentori e adolescenti in cerca di una ragione per migliorare come atleti, come uomini, sfiorando l’acqua. Buona visione

Questa storia rappresenta un’estensione della mia ricerca in corso sui giovani nel Mediterraneo. Qui mi sono focalizzato su un gruppo di canottieri: una tribù di adolescenti che scolpiscono i loro corpi sulla terra e plasmano le loro menti nelle acque marine.

Il loro allenatore, Diego, è un personaggio unico nel suo genere. Somiglia a un pirata: capelli lunghi, pizzetto stretto, è soprannominato ‘il Dragone’. I suoi metodi sono sempre spartani, ma edificanti e incoraggianti: è il tipo di maestro a cui non interessa tanto la forma, quanto il contenuto dei propri allenamenti. Seguendo questa filosofia, Diego è riuscito a crescere atleti feroci, capaci di conquistare medaglie d’oro a livello nazionale e internazionale.

Questa serie fotografica vuole mettere in evidenza le dinamiche di lavoro all’interno di una squadra, ma anche l’amicizia e la connessione create dal gruppo, da questi giovani, al fine di raggiungere un obiettivo più importante del semplice risultato della competizione: la costruzione di sé stessi. Una costruzione basata sullo sforzo individuale e sulla fiducia nell’altro.

Questa storia mira a celebrare la bellezza della maturazione umana e l’importanza di avere buoni leader in un momento nevralgico e delicato come quello adolescenziale.

Credits

Ph & Text by Glauco Canalis
IG @glaucocanalis
glaucocanalis.com

Creative Direction Giuliana Minaldi


Il Taekwondo è un affare di famiglia

Una famiglia marzialista, la famiglia Pachansky, ritratta dalle parole della giovane Mia e dalle foto di Joe Hart

Il Taekwondo è un affare di famiglia per i Pachansky. L’arte marziale coreana ha permesso a questi giovani fratelli di superare differenze di genere, di unirsi in un’unica, totalizzante, passione. Una passione ritratta dall’attenta macchina fotografica di Joe Hart.

Abbiamo parlato con Mia, il lato femminile di questo nucleo familiare dedito all’arte dei calci e dei pugni. Mia, recentemente entrata nel programma federale britannico, oltre a lambire con l’immaginazione il personale sogno olimpico, ci ha svelato il significato che uno sport di questo tipo può assumere nella quotidianità e nella personalità di una giovane ragazza. Buona visione.

Da quanto tempo il Taekwondo fa parte della vostra famiglia?

Io e i miei fratelli ci siamo imbattuti per caso nel Taekwondo circa sei anni fa. All’epoca ero una ragazzina poco sportiva, che non avrebbe mai immaginato di combattere contro qualcuno, figuriamoci di gareggiare su larga scala. Siamo stati fortunati: ci siamo trovati nel posto giusto al momento giusto, imbattendoci in un volantino del club locale sulla strada per scuola. La mia famiglia in origine ha iniziato a frequentare il club solo per stare in salute e migliorare la forma fisica.

Ciò che mi ha fatto iniziare a prendere sul serio il Taekwondo è stato guardare mio fratello alla sua prima competizione. Sperimentare l’atmosfera elettrica della gara e, soprattutto, vedere quanto fosse emozionante gareggiare per mio fratello minore, mi ha ispirato a voler iniziare ad allenarmi più seriamente e a fare lo stesso.

Quali sono le sensazioni e le emozioni che provi durante gli allenamenti e le gare?

Il brivido che si prova salendo sul tatami durante una competizione è molto potente. Sentire i tuoi compagni di squadra che ti applaudono in sottofondo mentre cammini, l’eccitazione che aumenta mentre il tuo avversario si avvicina, vedere il tuo nome sullo schermo… Questi sono tutti motivi che fanno crescere l’adrenalina prima di un combattimento. Sono molto grata a questa disciplina perché mi regala vere opportunità di viaggiare all’estero, in molti Paesi che non avrei mai avuto la possibilità di vedere. Mi sento anche molto fortunata ad aver incontrato nuovi amici provenienti da diverse parti del Paese in questo periodo di formazione con il team britannico.

L’allenamento quotidiano, va detto, non è sempre così affascinante. Allenarsi ogni giorno mentre, contemporaneamente, si affronta la scuola a tempo pieno, può diventare molto stressante. Può diventare molto difficile trovare le motivazioni. Iniziare è sempre la parte più difficile: una volta che mi sono riscaldata mi sento focalizzata sul fare una buona sessione e non c’è niente di più soddisfacente della sensazione di stanchezza a fine allenamento.

Cosa ti fa provare l’essere una giovane ragazza coinvolta in un’arte marziale?

Praticare Taekwondo ha aumentato incommensurabilmente la fiducia in me stessa. Sebbene le arti marziali non siano una panacea per risolvere tutti i problemi che una ragazza può affrontare, credo fermamente che le ragazze possano trarre beneficio dalle varie abilità sviluppate grazie ad esse: dall’apprendimento dell’autodifesa, alla costruzione del senso di autostima. La Gran Bretagna ha squadre di Taekwondo senior e junior femminili molto forti e ha un ampio pool di selezione, quindi, nonostante sia una ragazza occupata in uno sport così particolare, non mi sono mai mancate compagne di sparring.

Il rapporto tra te e i tuoi fratelli cambia sul tatami? E la tua personalità è cambiata/migliorata dopo l’incontro con il Taekwondo?

Ad essere onesti io e i miei fratelli litighiamo sempre, ma durante l’allenamento andiamo d’accordo e ci motiviamo a vicenda. Sono grata di avere i miei fratelli come compagni d’allenamento: cosa che è tornata utile soprattutto durante la pandemia, quando tutti gli altri sono stati costretti ad uno stop forzato. Fare Taekwondo sicuramente modella la tua personalità: impari a fronteggiare situazioni stressanti e ti insegna che uscire dalla tua zona di comfort porta sempre a una ricompensa. Penso che molte delle abilità che ho acquisito grazie a questo sport, come la gestione del tempo, la perseveranza e la volontà di provare cose nuove, si siano trasferite anche in altre parti della mia vita.

Come vedi questo sport nel tuo futuro e quali sono i tuoi obiettivi?

Il mio obiettivo finale è vincere una medaglia d’oro alle Olimpiadi. I miei sforzi sono fissati su Parigi 2024 e Los Anegeles 2028. Questi sono obiettivi a lungo termine, un mio obiettivo a breve termine è essere selezionata per i Campionati Europei Junior 2021. Di recente sono stata convocata nel programma a tempo pieno di GB Taekwondo e non vedo l’ora d’iniziare a luglio. Essere in grado di fare ciò che amo a tempo pieno è qualcosa a cui aspiravo da molto tempo. Mi piacerebbe poter illuminare positivamente questo sport e vorrei essere in grado di ispirare una generazione più giovane di atleti di Taekwondo, proprio come stanno facendo gli attuali atleti britannici con me.

Credits

Ph Joe Hart
IG @joehartphoto
joehartphoto.com

Testi di Gianmarco Pacione


Gramicci, oltre l’arrampicata

Negli anni ’80 Mike Graham, un ribelle delle pareti, creò un brand destinato alla leggenda

Immaginate gli strascichi dei ribelli anni ’70, immaginate un’accogliente ombra che si allunga, ora dopo ora, ai piedi del superbo Half Dome, sperone granitico incastonato nel cuore dello Yosemite Park.

Immaginate la California psichedelica, vissuta sulle note di Jimi Hendrix, popolata da giovanissimi dalle barbe incolte, da corpi che s’immolano su pareti verticali alla ricerca della libertà sensoriale, alla ricerca di obiettivi da conquistare mano dopo mano, appiglio dopo appiglio.

Immaginate, semplicemente, una Woodtsock dell’arrampicata, una comune dell’ascensione, dove l’eccesso dello sforzo fisico si alterna all’incantato vociare faunistico della Sierra Nevada.

Ora immaginate che quell’enclave umana, abbandonata a picchi adrenalinici ed estasi interiori, abbia dato i natali ad uno dei brand più iconici dell’universo outdoor. Ecco, state immaginando Gramicci.

MIKE GRAHAM E L’UTOPIA DELL’HALF DOME

“Never has been, and never will be trodden by human foot”, “Non è mai stato e mai sarà calpestato dal piede umano”. Il geologo Josiah Whitney si riferiva con questa diffidenza alla cupola di roccia sovrastante il parco nazionale Yosemite.

L’Half Dome era utopia, era un vertiginoso abisso tendente al cielo, impossibile da dominare. Almeno all’apparenza. Almeno fino ai chiodi e alle corde di George Anderson, scozzese che per primo, nel 1875, fuggì dall’abisso, raggiungendo la vetta e dando il là ad una sfida che si sarebbe ciclicamente ripetuta per tutto il secolo successivo, arrivando intatta, in tutta la sua potenza suggestiva, ai giorni nostri.

Si ritrovarono alle pendici di quello schermo di roccia, i cosiddetti ‘Stonemasters’, interpreti leggendari dell’arrampicata tra gli anni ’70 e ’80. Ascendevano sotto l’influenza del rock’n’roll e dell’LSD, avevano bandane colorate e maglioni oversize. La sera, quando le tenebre prendevano possesso dell’Half Dome, illuminavano i loro accampamenti con sassofoni e feste vorticose.

Avevano vent’anni o poco più, erano liberi, rischiavano le proprie vite per fondersi con la natura. Non volevano dominare gli elementi, volevano comprenderne più a fondo la primordiale essenza. Tra loro spiccava un adolescente, Mike Graham, un inconsapevole visionario che in quei viaggi sospesi nel vuoto avrebbe raggiunto l’ispirazione per un marchio d’abbigliamento.

LA NASCITA DI GRAMICCI

Avrebbe tinte tricolori la genesi di Gramicci. Tinte incomprensibili, quasi surreali. Pare difatti che Graham, spinto dall’insofferenza verso pantaloni stretti e scomodi, decise d’iniziare a produrre un tipo di materiale tecnico differente, che esulasse dai capi obsoleti utilizzati fino a quel momento per l’arrampicata.

Pare decise di farlo per una prima scalata tutta italiana dell’Half Dome, pare volle italianizzare il suo cognome per onorare i suoi compagni di viaggio. Di italiano in realtà ci fu poco, forse nulla, in quell’ennesimo assalto alla cupola più famosa dello Yosemite. Ci fu solo quel guizzo linguistico: quel Gramicci, ibridazione di Graham, che suonò tanto esotica, quanto efficace per marchiare i capi appena creati.

Sta di fatto che nel suo piccolo garage californiano, Graham si tramutò in creatore, in inventore, ridisegnando i capisaldi dell’abbigliamento outdoor, assecondando la propria visione incentrata sul comfort, sulla praticità, sulla performance.

Arrivò la maggiore libertà a livello inguinale, per aumentare il raggio di appoggio delle gambe, arrivò l’integrazione di una cintura di nylon divenuta, nel tempo, manifesto del brand californiano, arrivarono silhouette votate all’esplorazione, alle pareti. Con esse arrivò anche la fama, prima di nicchia, poi globale.

GRAMICCI NELLA CULTURA URBAN E NELL’ATTUALITÀ

Con lo scoccare degli anni ’90 e la deflagrazione dei movimenti urban legati all’immaginario di skate e surf, Gramicci esondò sugli asfalti metropolitani, trasformandosi in azienda di culto per l’universo streetwear. Il brand californiano, appaiato ad altre realtà internazionali affini, cambiò la percezione di brand tecnico.

Il logo iconico, l’arrampicatore stilizzato e colorato di rosso, da qualche tempo è tornato ad animare le vette del panorama street-sportivo. Restando fedele alle proprie radici naturali, la rinascita di Gramicci si è fondata sulle storiche pietre angolari dell’anima aziendale: l’ecosostenibilità, la contiguità morale ed estetica con i ribelli ‘Stonemasters’, la libertà, che sia essa di movimento o di pensiero.

Concetti universali, non a caso seminati e fioriti anche in luoghi inaspettati, come oltre il Pacifico, nel Sol Levante giapponese, come nell’Europa che partorì i primi esploratori delle montagne (vedi il movimento alpinista dell’Inghilterra vittoriana). Concetti universali, appunto, come l’arrampicata stessa, come le sensazioni provate sulle pareti di tutto il globo. Concetti, da sempre, Gramicci.

Credits

Text Gianmarco Pacione

Ph Rise Up Duo


Behind the Lights – Emily Maye

L’incrocio tra fotografia e settima arte, gli scatti come parti di un unico, grande film visivo. Intervista alla fotografa americana

“La fotografia ha un’enorme potenza intrinseca: il momento vissuto è un qualcosa d’istantaneo e la fotografia lo rende qualcosa di molto più forte, significativo”

Verbo e immagine, attimo ed eternità. La fotografia di Emily Maye ha una potente carica cinematografica, ha la volontà di espandersi nel tempo, nel racconto, nelle innumerevoli declinazioni di un semplice, complesso istante.

I ritratti della fotografa americana sono lungometraggi sensoriali generati da un singolo scatto, sono pellicole ridotte all’osso, pronte a scavare nell’immaginazione dell’osservatore, nella sua capacità di evolvere un particolare, di articolarlo, di renderlo storia.

L’istinto artistico di Emily è generato da un’anima polivalente, da una biografia personale che l’ha vista alternare danza e sceneggiatura, regia e composizione: studi e influenze da cui la sua fotografia attinge ormai da un decennio.

“È divertente pensare che ora sono una fotografa: poco tempo fa ho ritrovato un video che mi ritrae a 5, 6 anni, mentre sto scattando un ritratto a mio fratello con una palla da football in mano. Da piccola il mio principale interesse era il balletto, volevo diventare una ballerina professionista. Poi, verso gli 11 anni, ho scoperto i film e ho iniziato a desiderare di fare la regista. Al college ho studiato per diventare sceneggiatrice e ho perseguito questo sogno fino a dieci anni fa, quando, lavorando al moodboard per un film sul ciclismo, ho iniziato a scattare delle foto. Da quel momento non ho più scritto”

Un lampo, o meglio, un flash. Da quella lontana epifania la produzione fotografica di Emily non ha subito battute d’arresto, inseguendo un flusso tematico molto chiaro: quello sportivo.

Nei suoi scatti gli atleti diventano i protagonisti di uno sforzo universale, i loro corpi vengono scrutati alla ricerca di dettagli significativi, di espressioni e gesti che esulano dall’atto sportivo fine a sé stesso, trascendendo nella sfera rituale, mistica, emozionale.

“La mia fotografia è stata inevitabilmente contagiata dalla settima arte. Spesso vedo i miei scatti come parti di un unico grande film. In tutti gli sport, in fondo, abbiamo una storia già pronta: quella dei vincitori e dei vinti. Abbiamo, soprattutto, persone di cui poter indagare momenti intimi e sacrifici. Amo ritrarre i dettagli dei loro corpi, come l’utilizzo delle mani: dal balletto ho imparato che i corpi possono parlare, comunicare. Ritengo meno interessanti sport come la Formula 1 o il football americano proprio per questo, perché gli attori protagonisti sono tutti bardati. Sono molto legata alla creatività della pallacanestro, mentre con discipline come la corsa o il ciclismo, ripetitive per definizione, provo sempre a focalizzarmi su una precisa storia, sull’approccio alla persona, sul contesto: l’ambiente che circonda un atleta, in molti casi, è quasi più importante dell’atto sportivo stesso”

Sentire qualcosa di vero, di nuovo; reagire al primo sguardo, riflettere al secondo. Gli obiettivi della produzione fotografica di Emily Maye sono chiari, così come i suoi punti di riferimento: dai film crime francesi degli anni ’60 e ’70 agli scatti sportivi di Robert Capa, dalla ‘Mamba Mentality’ ai poster vintage dell’era dorata ciclistica.

“Kobe è il mio atleta preferito, penso sia la definizione estrema di campione mentale. I ritratti di Neil Bedford sono perfetti nel riassumere la mentalità e la carica emotiva di un’icona divenuta globale, di un’eccellenza capace di oltrepassare l’ambito sportivo. In generale mi soffermo sulle foto che rendono il mondo interessante, nuovo, ai miei occhi: mi piacciono le persone da sole e immerse in scenari evocativi, mi piace quando un atleta è segnato da fango, fatica e intemperie, mi piace quando non c’è bisogno di un volto specifico per descrivere una storia”

Kobe Bryant by Neil Bedford
Tour de France – 1939 by Robert Capa

Se per Pasolini il cinema rappresentava in modo paritario un’esperienza linguistica e filosofica, lo stesso si può dire dell’opera fotografica di Emily Maye.

Un tocco veloce, l’immediatezza della rappresentazione, la pluralità e potenzialità dei suoi significati. Ecco un vulnerabile Usain Bolt, ecco le sfumature di un timeout NBA, ecco le acque increspate da un apparentemente anonimo pallanotista statunitense.

Ecco la continuità artistica, ecco i denominatori comuni che hanno unito i lavori commerciali e non di Emily nell’ultimo, florido, decennio.

“Ho sempre seguito il mio istinto, a costo di essere dura con me stessa. Credo che mettendo insieme tutti i miei lavori fotografici esca un’idea definita di chi sia Emily. Le foto di ieri sono tranquillamente sovrapponibili a quelle di dieci anni fa: e sono orgogliosa di questo. In questo periodo mi ha pesato parecchio il non poter viaggiare, il non poter scoprire nuove discipline, nuovi soggetti. Ho però avuto modo di riflettere, di comprendere ancora di più il valore dello sport, i suoi veri significati, e ho anche iniziato a scrivere di nuovo. In futuro mi piacerebbe tornare all’origine e produrre un film. Ovviamente a tema sportivo”

Credits

Ph Emily Maye

IG @emilymaye
emilymaye.com

Ph Neil Bedford

IG @neil_bedford
neilbedford.com

Ph Robert Capa

Text Gianmarco Pacione


IMSOUANE

Un viaggio invernale nel Marocco del surf

Le foto e le parole di Niccolò Cozzi ci conducono in una terra contemporaneamente lontana e vicina. Ci trasportano in spiagge atipiche, battute ogni inverno da surfisti europei alla ricerca di un paradiso dietro casa, di un luogo che, ad appena un Mediterraneo di distanza, possa permettere loro di cavalcare l’onda perfetta.
Buona lettura.

Imsouane è un antico villaggio di pescatori situato nella zona meridionale del Marocco, sulla costa atlantica.

In questo luogo non c’è storia, non ci sono edifici da vedere, le spiagge non brulicano di turisti. Le uniche persone sempre presenti sono uomini che trascorrono il loro tempo pescando.

“Perché venire ad Imsouane?”, ho chiesto a un surfista che mi stava accompagnando. “Sono stato qui d’estate, ma mi hanno raccontato che le onde sono migliori in inverno”, mi ha risposto, “L’oceano lavora meglio”.

Imsouane è uno dei luoghi marocchini preferiti dai surfisti europei durante la stagione invernale. Qui le onde si srotolano lunghissime, raggiungendo gli 800 metri di lunghezza e i 6 metri d’altezza.

Decine di surfisti ogni giorno attraversano le pietre, i rifiuti e i palazzi in costruzione con la tavola in mano, circondati da cani randagi. Arrivano al porto, si buttano in mare tra le barche dei pescatori e aspettano.

Con le basse temperature europee molti surfisti si spostano verso mete vicine: destinazioni con temperature più miti. Questo lavoro vuole essere un primo passo di un viaggio alla scoperta delle onde invernali. Perché il surf non è solo uno sport estivo, ma una necessità da vivere senza sosta.

Credits

Photo & Text Niccolò Cozzi
IG @nic_cozzi