fbpx

El Gran Felipe  

A Xochimilco, durante la pandemia, si lotta per preservare l’arte della Lucha Libre

Emilio Espejel ci porta alla scoperta di una tradizione preziosa, quella del wrestling messicano. Un microcosmo colorato, quello della Lucha Libre, tristemente costretto a svanire durante questa pandemia. Grazie a 3 fratelli, però, questa liturgia sportiva continua a vivere in una particolare zona di Città del Messico.

Buona visione.

I 3 fratelli intenti a parlare sul divano di casa

‘El Gran Felipe Jr.’, 19 anni, prepara il ring per un match pomeridiano sulla chinampa

Di fronte alla crisi pandemica e all’effetto devastante di essa sulle pratiche sportive, giovani wrestler messicani hanno trovato il modo per reinventarsi, organizzando show nelle chinampas di Xochimilco.

La chinampa, conosciuta anche come giardino galleggiante, è una piccola area costruita in un lago sovrapponendo strati di pietra, canne e terreno: solitamente in questo tipo di aree vengono coltivati ​​ortaggi e fiori. Anticamente quello delle chinampas era il principale sistema di coltivazione della zona lacustre della Valle del Messico. Oggi questa pratica agricola è utilizzata solo in alcuni luoghi, come Xochimilco.

Durante la pandemia, 3 fratelli hanno avuto l’idea di offrire spettacoli di combattimento trasmessi su YouTube e organizzati nelle fertili terre ereditate dal loro padre. In questo modo hanno donato una forma d’intrattenimento alternativa a tutte le persone confinate a casa.

Oltre allo svago, l’intenzione dei fratelli si è concentrata nell’aiutare i wrestler ad ottenere un sostegno economico durante la crisi: per riuscirsi hanno chiesto donazioni durante le varie trasmissioni. Così facendo, i fratelli stanno giocando un ruolo fondamentale nel rivitalizzare il wrestling messicano, salvando l’affascinante tradizione della Lucha Libre locale, sbiadita negli ultimi dieci anni, dopo l’estinzione dell’arena di Xochimilco.

Il loro obiettivo è continuare a mettere in scena spettacoli sempre più complessi e accattivanti. In questo modo potranno continuare a dimostrare l’importanza sociale del reinventare costumi locali e tradizioni ancestrali. A questo uniranno la pura meraviglia visiva creata dalla Lucha Libre combattuta nei campi galleggianti di Xochimilco.

‘Venom’, 48 anni, durante un evento Chinampa Luchas

Galactus (1998-2020)

‘Galactus’, ‘Rey Halcon’, ‘Shere’ e ‘El Gran Felipe Jr.’ durante un allenamento

Rey Optimus 23 anni e la sua compagna Evelin, 19, in posa alla fine di un match

‘Sol Mirrey’, 15 anni, in posa alla fine di un match

‘Sol Mirrey’, 15 anni, durante un match

‘Mr Jerry’, fratello de ‘El Gran Felipe Jr.’, sul ring

Primo piano di un luchador

‘Tempo’, 21 anni, ritratto al termine di un match

‘Mr Jerry’, 24 anni, in posa dopo una sua esibizione

‘El Gran Felipe Jr.’ durante un allenamento notturno

‘El Gran Felipe Jr.’ in compagnia della sua fidanzata

La maschera de ‘El Gran Felipe Jr.’ esposta in casa, sopra un modellino di Terminator

Un trofeo vinto all’Arena Olivares da ‘El Gran Felipe Jr.’

‘El Gran Felipe Jr.’ si cambia per andare a lavorare

‘Mr Jerry’ e ‘Ciclonico’ seduti di fianco alle calendule raccolte durante il tragitto per la chinampa

Questo reportage è dedicato a Galactus (che ha combattuto tra il 1998 e il 2020) e a tutti i wrestler che non hanno potuto combattere nell’ultimo anno.

Credits

Emilio Espejel

IG @emilio_espejel
emilioespejel.com

22 marzo 2021

Related Posts

Giocare a Torball

Giocare a Torball

Viaggio fotografico nello sport per non vedenti più diffuso in Italia

IMSOUANE

IMSOUANE

Un viaggio invernale nel Marocco del surf

We are waiting

We are waiting

L’interminabile attesa di un attimo, la meravigliosa attesa di una pedalata

Subscribe To Our Newsletter

You have Successfully Subscribed!

Share This