fbpx

Da guardare: ‘Dietro la prossima curva’

Valverde, Landa, Quintana, Carapaz… 6 episodi di Netflix, tra vittorie e frizioni, alla scoperta della Movistar

È facile innamorarsi della serie Netflix “Dietro la prossima curva”. Basta assaporare la raffinata introduzione: le note di Tom Rosenthal, il profilo di Mikel Landa, i dettagli di telai perfetti e di curve incastonate in una natura meravigliosa.

Il ciclismo è poesia, è emozione, anche, se non soprattutto, ad altissimi livelli. Ticchettii di sforzi quotidiani si alternano a storie da gustare, come quella del ‘Carchi’ Carapaz e delle sue umili origini, come quella dell’eterno ‘Imbatido’ Alejandro Valverde.

Le telecamere seguono la Movistar lungo l’intera stagione 2019, accompagnando il team spagnolo tra grandi classiche e giri continentali. Mesi di vittorie e spostamenti, mesi di convivenze a tratti idilliache, a tratti forzate e burrascose.

Ne esce un delicato affresco di ciclisti dai nomi e dalle carriere altisonanti: uomini in costante sfida con loro stessi e con uno sport nobile e impietoso. Personalità gigantesche, che finiscono inevitabilmente per collidere e danneggiarsi nella disperata ricerca del traguardo a braccia alzate.

6 episodi che scivolano rapidi davanti agli occhi dell’affascinato spettatore, come un’unica grande e appassionante tappa.

Related Posts

Share This