fbpx

I Briganti di Librino

Nella periferia sud di Catania una ONLUS aiuta i giovani attraverso il rugby e la cultura

I ‘Briganti Rugby Librino’ sono un’associazione sportiva dilettantistica fondata nel 2006 nel quartiere popolare di Librino, situato nella periferia sud di Catania.

Il quartiere di Librino è stato costruito tra gli anni ’60 e ’70 e il suo scopo primario era quello di diventare una città satellite piena di moderne infrastrutture. Completamente abbandonato dalla Regione Sicilia e dalle autorità competenti, è diventato presto un vero e proprio ghetto dove la mafia e la criminalità hanno iniziato a lucrare in maniera esponenziale.

I Briganti sono una ONLUS che ha lo scopo di riqualificare gli spazi pubblici abbandonati e spesso vandalizzati del quartiere, aiutando i giovani attraverso lo sport, nello specifico il rugby, ed altre attività parallele.

Quest’organizzazione propone opportunità alternative a quelle della strada a gruppi sociali fortemente a rischio, valorizzando i principi dello sport e realizzando percorsi di aggregazione/relazione sociale e culturale. I Briganti si battono per garantire i diritti dei bambini laddove la piaga dello sfruttamento del lavoro minorile ha una percentuale molto elevata.

Il 25 Aprile del 2012 hanno deciso di occupare l’allora abbandonato Campo Sportivo “San Teodoro”, complesso costruito nel 1997 per ospitare le Universiadi che, sfortunatamente, non si sono mai realizzate. Hanno costruito anche l’unica biblioteca presente nel quartiere, chiamata “Librineria”, dove i volontari organizzano doposcuola, attività culturali e gruppi di lettura.

Nel 2015 hanno firmato un accordo con la Città di Catania e il Campo San Teodoro (da allora soprannominato “San Teodoro Liberato”) è stato assegnato legalmente ai Briganti. Nel 2018 un incendio doloso ha distrutto alcuni di questi spazi, ma grazie all’impegno di tutta la comunità si è riusciti a ricostruirli e a ricominciare tutte le attività… Almeno fino all’arrivo del Covid-19.

Questa storia vuole riflettere sull’importanza queste iniziative sociali e sportive, su come possano riflettersi positivamente sul territorio e avvicinare comunità in quartieri particolarmente complessi da vivere, soprattutto per le fasce più giovani.

Reportage e testimonianza di Salvatore Di Gregorio

Credits

Salvatore Di Gregorio

IG @salvatoredigregori0
salvatoredigregorio.com

April 8, 2021

Related Posts

Giocare a Torball

Giocare a Torball

Viaggio fotografico nello sport per non vedenti più diffuso in Italia

Subscribe To Our Newsletter

You have Successfully Subscribed!

Share This